Decreto incentivi 2010 sia per privati che per imprese e professionisti

Al via il Decreto incentivi 2010


Approvato nei giorni scorsi il decreto-legge incentivi per il 2010 che contiene una serie di misure a sostegno dei diversi settori industriali e dei consumi.

Gli incentivi saranno operativi a partire dal prossimo 6 aprile.


Incentivi al consumo

I contributi al consumo riguarderanno motocicli elettrici, abitazioni, elettrodomestici, cucine, macchine agricole, gru e motori per la nautica. La procedura è estremamente semplice. Il consumatore potrà chiedere direttamente al rivenditore di usufruire dell’incentivo; il rivenditore dovrà verificarne la disponibilità per via telematica o telefonica e comunicarla al consumatore, che otterrà subito uno sconto sul prezzo di acquisto. Il rivenditore potrà recuperare l’incentivo presso gli sportelli delle Poste. I Cittadini e le imprese avranno a disposizione un call center gestito da Poste Italiane per ottenere tutte le informazioni pratiche necessarie.

Nello specifico gli incentivi saranno concessi  nelle seguenti modalità:
·  sconto del 20%, fino ad un massimo di 1.500 euro per l’acquisto di  scooter elettrici;
·  sconto del 10% fino ad un massimo di 750 euro per chi sostituisce un motociclo Euro 0 o Euro 1 con uno nuovo di categoria euro 3.
·  Abitazioni ad alta efficienza energetica: incentivi, in base al risparmio energetico, fino ad un massimo di 7 mila euro per l’acquisto    di eco-case.
·    Elettrodomestici – cucine:
–    sconto del 20%, fino ad un massimo di 130 euro, per l’acquisto di lavastoviglie;
–    sconto del 20%, fino a un massimo di 500 euro, per l’acquisto di cappe elettriche;
–    sconto del 20% fino a un massimo di 80 euro, per l’acquisto di forni elettrici o piani cottura.
–    incentivo del 10%, fino ad un  massimo di 1.000 euro, per la sostituzione dei mobili per cucina con cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza.
·    Macchine agricole:
–    sconto del 10% per l’acquisto di trattori.
–    sconto del 20%, fino ad un massimo di 30 mila euro per l’acquisto di gru a torre per l’edilizia.
·    Motori nautici: sconto del 20%, fino ad un massimo di 1.000  euro, per la sostituzione di motori fuoribordo di vecchia generazione con nuovi motori a basso impatto ambientale fino alla potenza di 75 kw.


Incentivi per imprese e professionisti

Nessun limite soggettivo ai nuovi incentivi. Tutti i contributi concessi dal decreto incentivi sono usufruibili anche dalle imprese e dai professionisti.

Non compaiono nemmeno limiti alla destinazione dei beni agevolati. Le imprese potranno quindi ottenere lo sconto del prezzo sia per i beni strumentali all’attività, sia per quelli destinati alla rivendita.

In entrambi i casi, però, ci si pone il dubbio se la successiva rivendita a terzi di questi beni, già agevolati, possa ottenere un ulteriore contributo, a titolo di riduzione di prezzo. La norma non pone alcun limite a questo riguardo. Su questa problematica, è auspicabile quanto prima un chiarimento.
Per gli immobili ecologici non vi sono limitazioni di tipo qualitativo; lo sconto che va da un minimo di 5 mila a un massimo di 7mila euro, a seconda del risparmio di fabbisogno energetico, può essere applicato sull’acquisto di qualunque tipo di immobile: un ufficio, un capannone, un negozio o un’abitazione.

L’immobile può essere strumentale o meno per l’attività d’impresa. Inoltre è possibile dedurre fiscalmente gli eventuali ammortamenti su immobili ecologici, per i quali si è usufruito dell’incentivo, a titolo di sconto del prezzo, a patto che venga calcolato sul prezzo effettivamente pagato e, comunque, al netto del valore riferito al costo del terreno.
Come i privati, anche le imprese possono effettuare sugli immobili ecologici, acquistati con gli sconti, ulteriori interventi per il risparmio energetico dell’edificio, detraibili dall’Ires/Irpef al 55%.

Se i lavori sono svolti da imprese, però, il beneficio Irpef/Ires del 55% è rivolto «esclusivamente agli utilizzatori degli immobili oggetto degli interventi»;

sono quindi agevolabili solo i «fabbricati strumentali» utilizzati «nell’esercizio della propria attività imprenditoriale».
Il decreto prevede la detassazione degli investimenti effettuati quest’anno in attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo per la realizzazione di campionari, nel settore tessile, pelle e pelletteria.

L’agevolazione riguarda in particolare le imprese che svolgono le attività indicate nelle divisioni 13 o 14 della tabella Ateco, e consiste nella possibilità di dedurre completamente le spese di ricerca e sviluppo per i campionari. Questo sconto fiscale si aggiunge al normale ammortamenti di bilancio.
(Fonte: IlSole24ore.com)

===========================================

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento

A cura di Dott.ssa Alessandra Gervasi Ufficio Finanziamenti Plan Consulting

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Share

3 comments

  1. Gian Piero Turletti

    Positivo il fatto dello sconto immediato, direttamente usufruibile dall’acquirente.
    Ma la questione più rilevaante è se si tratti di misure che servono realmente per un effettivo rilancio economico.
    Forse si, negli specifici settori di riferimento, ma si dovrebbe guardare anche alle esclusioni, a partire dagli autoveicoli.
    Interventi, quundi, troppo settoriali?

  2. Pingback: Piccole imprese:Contributi a fondo perduto per investimenti e inserimento occupazionale | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  3. Pingback: Contributi a Fondo Perduto per consulenze e sostegno all’occupazione | Finanziamenti Agevolati

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.