Aziende e Credit Crunch- Alcune ripercussioni sulle imprese

Riprendo l’articolo precedente e andiamo a vedere  Quali sono le ripercussioni sulle imprese?

credit_crunch_finanziamenti_bancari_imprese

La riduzione del credito è un fenomeno generalizzato e penalizza non solo le imprese inefficienti che magari sarebbe anche un bene uscissero al mercato, ma anche le imprese buone, sane, che sono “bancodipendenti”.

Alcune PMI non nasceranno, altre falliranno perché gli verrà negato il credito in situazioni di illiquidità che diverrà perciò insolvenza, altre lavoreranno al di sotto delle loro potenzialità.

A tutto ciò si aggiunga la necessità di rispettare i parametri di Basilea 2 per poter accedere al credito ed il problema del ritardo nei pagamenti che rappresenta il vero elemento nuovo e devastante di questa crisi.
Se un committente ritarda il pagamento, provoca uno slittamento degli introiti per un periodo di tempo non prevedibile.

Se il fenomeno si moltiplica, il trend impedisce alle aziende di pianificare il business e, nella peggiore delle ipotesi, di chiedere ulteriori prestiti per poter andare avanti.

A peggiorare la situazione, la tendenza delle banche stesse a richiedere proprio alle PMI il rientro più rapido e a definire incrementi degli spread. Di fatto è a questo punto che si alimenta il circolo, a causa dell’obbligo indotto per queste PMI di ritardare i pagamenti.
Più semplicemente le banche ti chiedono il rientro, non scontano le fatture in ritardo e alzano gli spread, tu allora ti devi arrangiare ritardando i pagamenti.

È quindi un “circuito indotto”.

E tu cosa ne pensi ?  Lascia un tuo commento

A cura di Dott.ssa Gervasi Alessandra

Ufficio Finanziamenti agevolati Plan Consulting

Per ricevere le nostre  novità e gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Share

6 comments

  1. Gian Piero Turletti

    In effetti, purtroppo questo succede, sopratutto in periodi come questo, dove la mancanza, o il rischio di mancanza di liquidità, non riguarda solo imprese industriali e commrciali, ma gli stessi istituti di credito.

    Il primo anello della catena, a smettere di funzionare correttamente, è proprio stato il mercato interbancario, crisi cui è conseguito un aumento dello spread.

    Se le stesse banche stentano a fidarsi reciprocamente, si entra in una sorta di”territorio di nessuno”, dove effetti e soluzioni alla crisi sono ancora tutti da dimostrare, anche perchè ogni crisi ha le sue carateristiche, ed anche questa differisce da quelle prececenti.

    L’augurio, ovviamente, è che gli interventi pubblici, sia nazionali, che internazionali, siano sufficienti a rimettere in moto meccanismi virtuosi di ripresa verso un equilibrato periodo di crescita.

  2. Pingback: Euribor minimo storico-Come mai i tassi non diminuiscono proporzionalmente? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  3. Pingback: Crisi banche:via ai Tremonti Bond anche per sostenere il credito alle aziende?? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  4. Pingback: Aziende e Stretta creditizia-Il 2009 anno difficile | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  5. Pingback: TREMONTI BOND per favorire il credito alle imprese e alle famiglie?? | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  6. Pingback: Aziende e stretta creditizia - il 2009 anno difficile « La strategia della Cipolla

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.