Il Budget fonti – impieghi per la valutazione della salute aziendale!

Budget fonti – impieghi

Pubblichiamo questo articolo prendendo spunto dalle osservazioni di un nostro amico  lettore di nome Mario  che voleva un chiarimento sulla distribuzione degli utili nel prospetto Fonti Impieghi .

 

Quando si parla di controllo di gestione aziendale difficilmente è possibile prescindere dal budget delle fonti e degli impieghi ossia dal rendiconto finanziario preventivo che è uno dei più importanti documenti quando si va a valutare lo stato di salute di un’azienda.

 

Per una corretta gestione finanziaria la prima regola da seguire è andare a vedere la corrispondenza tra fonti ed impieghi ossia valutare se l’ azienda è in grado di sostenere ( coprire) gli investimenti programmati.

Per la costruzione del prospetto fonti/impieghi occorre innanzitutto ricordare che ogni incremento di passività costituisce una fonte di finanziamento, in quanto ha generato risorse finanziarie per l’azienda, ed allo stesso modo può venire considerata una diminuzione delle attività, che implica un “rilascio” di risorse finanziarie.

Al contrario, ogni aumento di attività ed ogni diminuzione di passività vengono considerate come un impiego, in quanto hanno comportato, rispettivamente, un assorbimento di risorse finanziarie ed una diminuzione delle risorse a disposizione.
Tutte le variazioni rilevate vengono inserite in un modello  a sezioni contrapposte e come nello stato patrimoniale la somma delle attività deve corrispondere a quella delle passività, allo stesso modo deve accadere con il totale delle fonti ed il totale degli impieghi.

IMPIEGHI

FONTI

Inv. Capitale Circolante

+ scorte, + crediti, + cassa

Inv. Capitale fisso

+ immobilizzazioni

Riduzione Capitale di credito

– debiti (breve o lungo termine)

Riduzione Capitale proprio

Rimborso capitale sociale

Distribuzione dividendi

Cash flow potenziale

(utile +/- costi/ricavi non monetari)

Disinvest. Capitale circolante

-scorte, – cassa, – crediti

Disinvest. Capitale fisso

– immobilizzazioni

Aumento Capitale di credito

+ debiti (breve o lungo termine)

Aumento capitale proprio

Aumento capitale sociale

FABBISOGNO FINANZIARIO

FONTI DI COPERTURA

 

 

 

Come è possibile notare gli utili non sono interamente fonti dato che in parte sono distribuiti sotto forma di dividendi. Questi daranno vita ad un impiego (Fonte: “Il controllo di gestione” di F.Nicosia – R.Romano- Maggioli Editore).

Nello Stato Patrimoniale l’ utile può essere:
–    inserito nella voce patrimonio netto;
–    scisso in due parti: la parte da accantonare va ad aggiungersi alle riserve ed incrementa il capitale proprio; la parte da distribuire ai soci viene scritta tra i debiti a breve sotto la voce “dividendi” o “soci conto utili”.

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento

A cura di Dott.ssa Alessandra Gervasi Ufficio Finanziamenti Plan Consulting

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

 

 

Share

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.