Quante aziende sono entrate nel circuito della “Corsa del Topo”?

Leggendo il libro di  Robert Kiyosaky “Padre Ricco Padre Povero ” pensavo non solo a quanti privati , ma anche quante aziende  sono cadute  nel tranello della Corsa del topo .

 

 

Perche?

Per tante aziende è una consuetudine anticipare tramite riba o anticipo su crediti , tutto  il lavoro fatturato   per poter far fronte alle uscite  finanziarie  spesso anticipate  o non ben pianificate .

Questo meccanismo purtroppo, quando  rischia di incepparsi?


Quando un’azienda riceve insoluti consistenti alcuni dei quali non incasserà mai,  oppure quando una volta utilizzata la liquidità
diminuisce il fatturato  e le banche stringono i rubinetti del credito .

Perciò la rincorsa al fatturato diventa un pò come una corsa del topo .
Ma cosa è  “la Corsa del Topo“?

Ecco la descrizione presa dal libro “Padre Ricco Padre Povero

“Se si analizza la vita di una persona di media istruzione che lavora molto, individuerete un percorso standard. Nasce un figlio che poi va a scuola. I genitori sono orgogliosi e contenti perché il loro figlio eccelle, prende buoni voti e viene accettato all’università. Il ragazzo si laurea, magari si iscrive ad un master poi inizia ad agire come previsto: cerca un buon lavoro, punta al posto fisso. Lo trova (come medico, avvocato, ecc.) e fa carriera, oppure si arruola nell’esercito o riesce ad entrare nell’amministrazione pubblica. Di solito comincia a guadagnare bene, gli arriva a casa un gran numero di carte di credito, per cui inizia anche a spendere con una certa profusione, se non lo ha già fatto.

Avendo soldi da spendere, il ragazzo frequenta locali dove incontra altri suoi coetanei, dà loro appuntamento poi, forse, si sposa. Per lui la vita diventa meravigliosa, anche perché oggi lavorano sia gli uomini, sia le donne, avere due redditi in casa è una benedizione. La coppia si sente realizzata, il futuro è radioso e allora decide di comprare casa, un’auto nuova, di andare spesso in vacanza e di avere figli.

Arriva un bel frugoletto, la necessità di contanti è enorme, la coppia felice decide che la carriera è una cosa troppo importante, perciò inizia a faticare di più, a chiedere promozioni e aumenti di paga. L’aumento viene concesso, ma poi arriva un altro erede, da cui la necessità di una casa più ampia. Allora lavorano ancora più duro, diventano impiegati migliori, impegnandosi allo stremo. Tornano persino sui banchi di scuola per ottimizzare le qualità professionali, sempre con lo scopo di spuntare uno stipendio maggiorato. Uno dei due potrebbe addirittura cercare un secondo lavoro. Il reddito familiare sale ancora, ma cresce anche lo scaglione dell’imponibile fiscale, come la tassa immobiliare sulla casa (più grande) e quella per i servizi sociali, nonché tutte le altre imposte. Riscuotono una bella busta-paga, ma si chiedono dove spariscono tutti i soldi. Comprano fondi comuni d’investimento e generi alimentari con la carta di credito. I figli cominciano ad avere cinque o sei anni, perciò aumenta il bisogno di risparmiare per mandarli a scuola (fino all’università), oltre a quello di pensare alla pensione.

La coppia felice, anni 35 , è ormai intrappolata nella Corsa del topo per il resto dei suoi giorni lavorativi.
Lavorano per i proprietari dell’azienda in cui sono impiegati, per le tasse che mantengono lo Stato, per pagare le carte di credito ed estinguere il mutuo immobiliare contratto con la banca.

Intanto ammoniscono i figli a “studiare sodo, prendere ottimi voti e trovare un posto fisso”. Non imparano niente sul denaro, ma molto su chi si approfitta della loro ingenuità, finendo a faticare come degli schiavi per tutta l’esistenza. Il processo si tramanda alla generazione seguente di “grandi lavoratori”.  Questa è la Corsa del topo.

Fonte : “Padre Ricco Padre Povero” Robert T. Kiyosaki

 

A questo punto serve fermarsi un pò e riflettere e pianificare  finanziariamente  come uscire da questa spirale .

E tu cosa ne dici? Lascia il tuo commento

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

===========================================

 

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Share

2 comments

  1. Stefano Manzotti

    Molte aziende oggi sopravvivono solo grazie alla corsa de topo, che però il mio pensiero non riesce a condividere.

    Non puoi far sopravvivere a fatica un’azienda, solo nella speranza che un giorno questa tornerà a produrre ottimi utili.

    Le cose cambiano, il mercato cambia… e le aziende, oggi più che mai, devono stravolgersi per poter tornare a profitto!

  2. Patrizio Gatti

    Ciao Stefano è vero non è giusto che buona parte delle imprese sopravvivono grazie alla corsa del topo, tradotto per l’impresa rincorsa ai fatturati per anticipare i crediti per pagare i debiti. Per tanti anni ci eravamo abituati che le banche davano credito quindi le aziende andavano avanti .Quando Poi hanno stretto il credito per tanti è diventato difficile .
    E’ vero bisogna reinventarsi per sopravvivere e per avere successo. Più facile a dirsi che a farsi …

    ciao grazie per il commento
    Patrizio

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.