Rating-Solita azienda valori differenti in piu’ banche???

Continuo volentieri con le risposte alle domande che alcuni amici lettori iscritti alla newsletter mi hanno inviato .

Ora è la volta di rispondere ad Alvaro Cannito riporto  qui in parte quanto scritto nella sua e mail :
“In riferimento alla rilevazione dello “scoring” e del “rating” ai   fini del merito creditizio, non vi è uniformità da parte delle banche  nel considerare i medesimi parametri. E così, capita, che alla
piccolissima azienda vengono attribuiti valori (giudizi, pesi, etc)  differenti a seconda dell’Istituto Bancario che ha analizzato i  bilanci della medesima. Non ritieni che tutto questo sia paradossale?”



rating-score-punteggio-basilea2


Nel caso in cui ci fossero valutazioni notevolmente differenti nello scoring di bilancio tra uno Istituto ed un Altro , in effetti il tutto potrebbe essere preso in esame,  e  il caso  potrebbe anche essere giudicato paradossale .

Tuttavia l’accordo di Basilea II lascia alle banche la libertà di utilizzare metodi di calcolo differenti purche’ in essi siano considerati gli stessi principi di valutazione, per cui si avvicinino a risultati simili.

Ciascuna banca valuterà l’impresa secondo dati completi, oggettivi, documentati e storici.

Pertanto, è altamente probabile che un’impresa possa essere inserita dalla banca X nella classe di rating BBB + e nella banca Y nella classe A-

Per l’ ‘assegnazione del Rating assumono rilevanza il tipo di informazioni ottenute dalle imprese che possono essere di tipo quantitativo o qualitativo.

Con le informazioni quantitative (dati scritti e documentati rivolti al passato) si calcolano :
· il punteggio (scoring) di bilancio determinato da bilanci, rendiconti finanziari e dichiarazioni dei redditi
· lo scoring andamentale che viene calcolato dall’evoluzione del rapporto bancario , dalla Centrale Rischi. e CRIF.
Con le informazioni qualitative si calcola lo scoring derivante da dall’esame del business plan e/o dal budget, da notizie sull’azienda e sul suo management, organizzazione e sistemi di controllo gestionali, grado di innovazione etc…

Quindi diventa anche importante l’autovalutazione  del merito di credito in modo da andare in banca e sapere come  e sino a dove si può arrivare a chiedere finanziamenti .

Inoltre per l’eventuale diversità di punteggio , gioca la diversità dello scoring interno che ogni banca dà sull’utilizzo del rapporto bancario.

A volte basta un insoluto a penalizzare una banca quindi nella Banca A abbiamo un rating inferiore che nella Banca B  dove non abbiamo ricevuto insoluti.

A cura di Patrizio Gatti

E tu cosa ne pensi, lasciami un tuo COMMENTO

Per ricevere le nostre  novità e gli aggiornamenti   e suggerirci un argomento che ti piacerebbe vedere trattato nel blog iscriviti alla  newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Share

21 comments

  1. Gian Piero Turletti

    Sono sempre stato critico nei confronti dell’utilizzo dei cosiddetti sistemi di rating, e questo non solo con riferimento alla possibilità di un’eccessiva componente discrezionale, nei relativi giudizi, tale da comportare asimmetrie valutative sulla stess impresa o ente.
    Il vero problema è che si tratta di strumenti inadeguati a cogliere la vera realtà economico-finanziaria di molte situazioni.
    Quando ancora stavo scrivendo il mioebook ” PRogetto Azienda”, notavo che issituti bancari, pur ritenuti meritevoli di rating elevati ( tra cui la Lehman Brothers), in realtà erano in una situazione di particolare rischio.
    Quindi, il discorso è che, pur in presenza di valuazioni simili o uguali, non è detto che il rating rappresenti un voto realmente significativo e rappresentativo di una certa realtà, e comunque arriva spesso tardivo, quando già la situazione economico-finanziaia sta precipitando.
    Molto mglio il ricorso alle indicazioni fornite dai credit default swap e dal differenziale di tasso tra emittenti obbligazionarie

  2. Pingback: Aziende e Credit Crunch- Alcune ripercussioni sulle imprese | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  3. Pingback: Credit Crunch Imprese-Forse si riaprono i rubinetti del credito bancario? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  4. Pingback: Restrizione Credito per le imprese!! Forse qualcosa si muove? | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  5. Pingback: Pianificazione finanziaria-Puo’ esserti d’aiuto anche quando ricevi un assegno insoluto | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  6. Pingback: Finanziamenti aziendali-Posso richiederli per non utilizzare i miei capitali?? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  7. Pingback: Fondi di garanzia per ristrutturazioni del debito! e se non hai i rating buoni? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  8. Pingback: Aziende-Banche!LE MISURE ANTICRISI SONO SOLO PER POCHI O ALMENO NON PER TUTTI ? | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  9. segio valletta

    Da quanti punti è composta la valutazione del rating ? 10-100-1000.
    Se una azienda perde due punti di rating rispetto all’anno precedente.
    Cosa significa in percentuale ??

  10. Pingback: Valutazione di Rating -Se diminuisce cosa significa? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  11. Patrizio Gatti

    ciao Sergio grazie innanzitutto per il commento -ho preso spunto dalla tua domanda per risponderti con un post

    http://planconsulting.it/blog/basilea-2/valutazione-di-rating-se-diminuisce-cosa-significa/

    ciao grazie e fammi sapere cosa ne pensi
    ciao Patrizio

  12. Pingback: Valutazione di Rating bancario – Se diminuisce cosa significa? « La strategia della Cipolla

  13. Pingback: Basilea 2-Finanziamenti- Senza Garanzie in Banca come fai?? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  14. Pingback: Bilanci 2008-2009!Con i parametri attuali di Basilea 2 difficile ottenere credito | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  15. Pingback: Senza ripensamento” delle norme di Basilea 2 ” difficile ottenere credito per tante piccole imprese | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  16. Pingback: Banche Italiane:I costi piu’ alti in Europa!! Ora Nel mirino dell’Ue? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  17. Pingback: Banche Italiane:I costi piu’ alti in Europa!! Ora Nel mirino dell’Ue? « La strategia della Cipolla

  18. Pingback: Come confrontare la convenienza tra la Commissione di Massimo scoperto e le “nuove spese bancarie “ | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  19. Pingback: Costi Bancari: Come vedere se le nuove commissioni sull’accordato convengono !!! | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  20. Pingback: Spese Bancarie:Per la commissione sul fido accordato..Le Banche ringraziano!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  21. Pingback: Basilea 2:Sistemi di rating=valutazione del rischio creditizio! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.