Valutazione di Rating bancario -Se diminuisce cosa significa?

rating-credito-bancario-valutazione-banca

Prendo spunto da un commento dell’amico/lettore del ns. blog  Sergio che ha lasciato nel post

Rating-Solita azienda valori differenti in piu’ banche??? una domanda e ne approfitto per dargli una risposta

Nel suo commento egli chiede:

D:) “Da quanti punti è composta la valutazione del rating ? 10-100-1000.
Se una azienda perde due punti di rating rispetto all’anno precedente.
Cosa significa in percentuale ??”



R:) Intanto Come appaiono i rating

La normativa di Basilea 2 fissa solo le linee guida,  lasciando spazio alle banche sulle metodologie e sui processi che porteranno alla definizione del rating purchè siano considerati gli stessi principi di valutazione .
I rating possono apparire con delle lettere oppure possono essere numerici (ad esempio in una scala da 1 a 10, dove 1 è la massima valutazione e 10 indica situazione di default ovvero di insolvenza totale  ).
Puoi prendere come esempio la tabella sottoindicata che fa capo a rating riconosciuti a livello mondiale con le lettere con specificato  indicativamente il  significato dei simboli .

STANDARD & POOR’S

MOODY’S

CLASSIFICAZIONE DI SOLVIBILITA’

AAA

Aaa

Ottimo: eccellente, massima solvibilità, rischio di perdita minimo

AA+

Aa1


Ottimo fino buono: alta probabilità di pagamento

AA

Aa2

AA-

Aa3

A+

A1

Buono fino discreto: copertura adeguata di interessi e ammortamenti ottimi attributi di investimento; ma anche elementi che possono agire negativamente in caso di variazione dello sviluppo economico

A

A2

A-

A3

BBB+

Baa1

Discreto: copertura adeguata di interessi e ammortamenti, ma anche elementi speculativi o mancanza di protezione contro variazioni economiche

BBB

Baa2

BBB-

Baa3

BB+

Ba1

Sufficiente: copertura molto modesta di interessi e ammortamenti anche in un buon contesto economico; incline al ritardo dei pagamenti

BB

Ba2

BB-

Ba3

CCC

Caa (1-3)


Insufficiente: qualità scarsa, tutela degli investitori bassa, a grave rischio di ritardo dei pagamenti, insolvenza prevedibile.

CC

Ca

SD/D

C

Insolvente: in mora di pagamento

Come si calcolano i rating?
La banca effettua  valutazioni nei seguenti campi:

  • capacità storica e futura di generare liquidità
  • struttura patrimoniale,
  • andamento del rapporto banca/impresa (utilizzo degli affidamenti, sconfinamenti, insoluti , ecc.);
  • andamento del rapporto azienda/sistema bancario attraverso dati desumibili dalla Centrale dei Rischi e da strumenti analoghi di informazione .
  • programma aziendale
  • qualità e tempestività delle informazioni,
  • management (continuità della dirigenza)
  • caratteristiche e andamento del settore in cui opera l’azienda

Ritornando alla domanda specifica di  Sergio , “se una azienda perde due punti di rating rispetto all’anno precedente cosa significa in percentuale ?”

Presumo che il rating sia basato su una scala numerica quindi , a mio avviso ,dovresti chiedere alla tua banca quale è la sua  scala  dopodichè fare il calcolo in percentuale diventa più facile .

Quale potrebbe essere il motivo della diminuzione della valutazione che dà la

Banca ?

Tra le possibili ipotesi può esserci  la valutazione di bilancio con  indici peggiorativi rispetto alle valutazioni precedenti, scoring andamentale in diminuzione   dovuto ad un maggiore utilizzo del fido di cassa , utilizzo teso sempre al massimo dell’esposizione consentita , sconfinamenti, o  insoluti da clienti su ricevute bancarie  , su effetti o assegni .

Lasciami una tua osservazione  .

Per ricevere  gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS
===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================

Iscriviti alla mia pagina fan su Facebook

Ciao Patrizio Gatti

Share

31 comments

  1. Gian Piero Turletti

    Ogni istituto ha un suo sistema interno di rating, che può essere più o meno conforme alle direttive di Basilea 2.
    Praticamente, quasi tutti gli istituti hanno sostituito precedenti metodologie discrezionali, con sistemi informatici proprietari, che agevolano il compito.

    Il funzionario procede ad immettere i dati nel pc, ed il relativo software valuta una serie di indici economico -finanziari.
    Alla fine, risulta una serie di indici, ognuno con un punteggio, che si sommano con una media ponderata, cioè ad ogni singolo indice si assegna un voto, e poi a questo si dà un peso, così da giungere ad un voto complessivo.
    Questo nel caso di utilizzo di indice numerico.
    Un esempio.

    Ipotizziamo che il sistema preveda i seguenti sottoindici:
    struttura patrimoniale
    indice di liquidità
    indice di redditività
    indice di performance aziendale generale
    (ogni istituto ne può costruire molti, basta rapportare alcuni dati di bilancio ad altri).
    In ipotesi, i punteggi potrebbero essere:
    2
    5
    3.
    Ipotizziamo che i pesi utilizzati siano:
    0,3
    0,2
    0,5.
    Il punteggio totale sarà quindi dato da:
    2(0,3)+5(0,2)+3(0,5)=3,1.

    Di solito, gli indici sono studiati, in modo che più basso è il punteggio, meglio è (cioè significa minor rischio).

    Ma tutto ciò non basta:
    ultimamente entrano in gioco anche appositi punteggi, calcolati sui dati rilevati dalla centrale rischi.

    Spesso, neppure il funzionario che immette tali dati nel computer, sa bene como siano costruiti questi sistemi di rating, proprio in quanto sistemi definiti dalla direzione con la società che implementa il sistema informatico.

    Quanto precede vale, solitamente, per i rating numerici.
    Questi sono solitamente compresi tra 0 e 10, e quindi due punti dovrebbero equivalere al 20%.
    Poi, nulla eclude, invece, che si adottino, in alternativa o in aggiunta, più tradizionali voti, espressi come indicato nell’articolo, cioè con lettere, ed allora si tratta di sitemi sostanzialmente basati su valutazioni puramente discrezionali, e non matematiche.

  2. Pingback: Basilea 2-Finanziamenti- Senza Garanzie in Banca come fai?? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  3. Pingback: Piccola impresa:aumenta il fatturato,diminuisce la liquidità!!E la banca?? Prima Parte | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  4. Pingback: Utili Buoni- Poca liquidità - Avventure di una piccola azienda che chiede credito alla Banca | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  5. Pingback: Bilanci 2008-2009!Con i parametri attuali di Basilea 2 difficile ottenere credito | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  6. Pingback: Senza ripensamento” delle norme di Basilea 2 ” difficile ottenere credito per tante piccole imprese | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  7. Pingback: Banche Italiane:I costi piu’ alti in Europa!! Ora Nel mirino dell’Ue? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  8. Pingback: Come valutare se richiedere la moratoria dei debiti bancari conviene alla tua azienda! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  9. Pingback: “Moratoria dei debiti bancari”-Conviene sempre richiederla? | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  10. Pingback: Come confrontare la convenienza tra la Commissione di Massimo scoperto e le “nuove spese bancarie “ | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  11. Pingback: Rapporto Banca Impresa:Moratoria Basilea 2:Sogno o possibile realta’??? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  12. pasquale

    con basilea 2 si ha un giudizio basato su una irgidita’ estrema senza valutare le potenzialita’ di un’ azienda cioe’ quello che potrebbe essere in unprossimo futuro specie se l’azienda ha fatto investimenti o ha ristrutturato i suoi settori. In questo senso basilea 2 e conseguentemente le banche stanno logorando l’economia

    grazie

  13. Patrizio Gatti

    Ciao Pasquale , è proprio con l’estrema rigidità che è stata interpretata Basilea 2 che le rappresentanze delle imprese stanno chiedendo una moratoria su Basilea 2 anche in vista dei bilanci 2009 sicuramente meno virtuosi di buona parte delle imprese .Per il rating una piccola parte percentuale doveva contare, anche i piani futuri quindi budget business plan; purtroppo risulta invece che nella stragrande maggioranza dei casi contano solo i dati passati .
    Grazie del commento ciao Patrizio

  14. pasquale

    HAI RAGIONE CARO PATRIZIO E VORREI AGGIUNGERE CHE E’ ORA DI FINIRLA DI CONSIDERARE L’IMPRENDITORE UN NUMERO DA INSERIRE NEI COMPUTER E ATTENDERE LA RISPOSTA……… PENSO A QUANTO SIA FACILE PER LA MAFIA O PER CHI HA USUFRUITO DELLO SCUDO FISCALE OTTENERE CREDITO
    SALUTI PASQUALE

  15. Pingback: Basilea 2 e IAS:Regole Troppo rigide e penalizzanti per le PMI ! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  16. Pingback: Banca e Imprese: Moratoria Basilea 2? Si spera! | Crescita Attiva-Personale e Aziendale

  17. Pingback: Basilea 2:Sistemi di rating=valutazione del rischio creditizio! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  18. Pingback: Basilea II-rating:Opportune Valutazioni qualitative ,non solo quantitative!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  19. Pingback: Redditi bassi-Anche se hai Garanzia immobiliari non e’ cosi’ facile ottenere il mutuo! | Crescita Attiva

  20. Pingback: Agevolazioni: per alcuni bandi ti convinene controllare la Capacità finanziaria dell’impresa | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  21. Pingback: Rinegoziazione Mutuo:Se hai le garanzie immobiliari e non i redditi, è così facile ottenerla? « La strategia della Cipolla

  22. Pingback: Parametri di bilancio sempre più importanti anche per i bandi pubblici | Controllo di Gestione Aziendale

  23. Pingback: Attenzione alle “Nuove Scadenze Ri.Ba” per effetto della Direttiva PSD!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  24. Pingback: Basilea 2 sta tramontando? In arrivo Basilea 3-Banche e imprese verso il 2012 | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  25. Pingback: Accesso al credito:ancora la “spina nel fianco” di tante Imprese!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  26. Pingback: Rinegoziazione Mutuo:Se hai le garanzie immobiliari e non i redditi, è cosi’ facile ottenerla? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  27. Pingback: Imprese Occhio alle segnalazioni sbagliate !!! | Basilea 3 -Consulenza finanziaria e aziendale

  28. Pingback: Imprese e banche :storie di segnalazioni in centrale rischi sbagliate!!! | Crescita Attiva

  29. Pingback: Come mai in alcuni casi gli utili maggiori danno un rating peggiore? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  30. Pingback: Controllo economico-finanziario dell’azienda.Come non perderlo di vista!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  31. Pingback: Ma Come Aumentare l’utile netto non signifca sempre migliorare il rating? | Patrizio Gatti -Aziendalista-Consulente d'impresa

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.