Moratoria dei debiti bancari-ecco il modulo!!!

Dopo aver ricevuto varie richieste sulla modulistica per avere la possibilità di accedere alla Moratoria ,  finalmente oggi è disponibile il link presso il sito dell’ABI, dell’Associazione bancaria italiana, per scaricare  il modulo standard per presentare la domanda di moratoria dei debiti bancari così come previsto nell’accordo del 3 agosto tra Abi e organizzazioni imprenditoriali.

Clicca sull’immagine per scaricare il modulo direttamente dal sito dell’ABI

modulistica-firmare-moratoria-debiti-bancari

Ora  si dice che c’è da affrontare la cosiddetta “Onda lunga della Crisi ” infatti stanno più che mai aumentando le insolvenze.
Tra luci e ombre la moratoria può effettivamente alleggerire  il  cash flow delle aziende  , purtroppo  probabilmente solo per una parte di esse .

Comunque si può prevedere una grossa richiesta , anche se non sono tutti d’accordo .

E Tu cosa ne pensi ? Fammi sapere il tuo parere.

Ciao Patrizio Gatti

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).


===========================================


Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Share

3 comments

  1. Gian Piero Turletti

    Utile l’iniziativa di questo blog, di mettere a disposizione il modello ufficiale ABI.

    Così, anche se la banca dicesse di non avere ancora a disposzione i moduli per la richiesta di moratoria, si può ricorrere a questo, dicendo che si tratta del modello ufficialmente approvato dal’ABI e che quindi vale per tutte le banche che hanno sottoscritto l’accordo.

    Letto il modulo, mi vengono in mente le seguenti considerazioni.
    L’essere in bonis viene indicato in difformità da quel che taluni istituti hanno indicato a propri clienti, nell’ambito di un’interpretazione estensiva del concetto.
    Verrebbe quindi da pensare che quanto indicato sul modulo al riguardo, trattandosi di interpretazione autentica, da parte di organismo rappresentante gli istituti, dovrebbe prevalere su eventuali interpretazioni in senso contrario e, visto che dal modulo risulta chiaramente indicato un diritto dell’impresa a conseguire una delibera positiva, parrebbe (uso il condizionale in quanto trattasi di nuova materia..) che tale fattispecie configuri un vero e proprio diritto, che potrebbe anche essere tutelato legalmente…..
    Questa è l’opinione di taluni giuristi al riguardo, ma il sottoscritto si permette di far notare che, nel modulo ABI, è indicato “salvo esplicito e motivato rifuto”.

    A mio modesto avviso, trattasi di quella clausola di salvaguardia della discrezionalità dell’istituto, di cui già si è trattato su questo blog.
    Infatti, la banca potrebbe indicare una qualsiasi motivazione che, come tale, costituirebbe base per un rifiuto eslicito, in quanto indicato espressamtne, e collgato ad una motivazione, e si deve sottolineare che detta motivazione non è ricondotta a fattispecie tassative, ma che, come tale, è invece riconducibile alla discrezionalità bancaria.
    Chi legge il documento con occhi da giurista, ben lo può confermare.

  2. Patrizio Gatti

    ciao Gian Piero , effettivamente mettere a disposizione il link per modulo standard approvato può essere utile- Ormai quasi tutti gli istituti stanno mettendo a disposizione della clientela i loro moduli , comunque come hai osservato tu va bene anche quello messo a disposizione dall’ABI.
    Ciao Patrizio

  3. Pingback: Moratoria:Occasione per le BANCHE o solo occasione per le IMPRESE? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.