Commissioni bancarie?Le Banche fanno il bello e cattivo tempo

Le Banche sembrano avere il coltello dalla parte del manico e fanno dunque il bello e cattivo tempo .

banche-commissioni-scoperto-conto-bello-cattivo-tempo

Ritorno sulla Commissione di massimo scoperto che secondo quanto stabilito dalla legge  2 del 28.01.2009 è applicabile  dalle banche  in alcuni casi.

Ma tu pensavi di risparmiare tutta la commissione ? Era troppo bello vero?

Infatti non poteva il sistema Bancario darti questo  pensiero e quindi ecco che un po’ tutte le banche hanno creato tipologie di spesa diverse , anche se per alcuni ciò comporterà comunque un risparmio .

Prendiamo alcuni esempi riassunti ma reali e dimostrabili  ,prendendo una parte di testo  che è stato scritto in comunicazioni di Istituti di Credito per la “Proposta di modifica unilaterale di contratto di conto corrente” :
======

a)    In caso di utilizzi per valuta oltre il limite dell’affidamento concesso (sconfinamenti) è dovuta  una spesa trimestrale  che va da 25 € a 100 €   a seconda dell’importo utilizzato
b)    Addebito commissione sull’affidamento,  che è data da una percentuale per l’importo affidato  -questa commissione viene applicata in misura proporzionale al periodo in cui la somma affidata è disponibile nonché alla stessa somma , indipendentemente dall’utilizzo .Nel caso di di sponibilità dei fondi per un numero di giorni inferiori al periodo di riferimento l’addebito della commissione sarà ridotto proporzionalmente.
c)    Commissione per  scoperto di conto  nella misura di 2 euro per ogni giorno in cui sul conto si è determinato un saldo debitore  e per ogni 1000 euro di saldo debitore (o frazione) –    L’importo massimo addebitabile per trimestre è di 100 euro .
======

BENE !!! Ora   non è il caso di fare una carellata di commissioni scritte sulle varie proposte di modifica unilaterale di contratto di conto corrente che ci vengono inviate dagli Istituti Bancari a norma dell’art.118 del Dlgs 385/93 (Testo Unico Bancario)

Ma ti volevo ricordare che su ogni comunicazione la Banca in sostanza ti dice che se non ti sta bene quanto da loro deciso   puoi recedere dal contratto e precisamente “ Entro 60 giorni dal ricevimento della presente proposta di modifica unilaterale del contratto , il cliente ha diritto di recedere dal contratto senza spese di chiusura ……………. Trascorso tale termine le modifiche si intendono approvate.”

Matrong> tu potresti inviare una dicitura del genere ai tuoi clienti o almeno hai o avresti   la potenza per farlo???
Lasciami un tuo commento  .

Per ricevere  gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS


Ciao Patrizio Gatti

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================

Iscriviti alla mia   Pagina Fan su Facebook


Share

9 comments

  1. Gian Piero Turletti

    Diciamocela tutta.
    Le banche, ancora una volta, stanno cercando di fare le furbe,cercando di far rientrare dalla finestra quello che la legge ha fatto uscire dalla porta.
    Cosa fare, dunque?

    Una disamina non superficilae della questione, mi porta ad osservare quanto segue.
    Evidentemente, è scomparsa la dicitura di commissione di massimo scoperto,la quale viene sostituita da altre.

    Ma questo è sufficiente per la legittitmità delle relative clausole?
    A ben vedere, no.

    Sopratutto la giurisprudenza tende ad interpretare norme di legge e clausole contrattuali, secondo principi cosiddetti di “sostanzialità”.
    Questo significa che, pur in assenza di un’espressa dicitura nominalistica, relativa a clausole contrattuali e relativi contenuti, quando, di fatto, una clausola svolge una determinata funzione, nel caso di specie rappresentata dalla clausola di massimo scoperto, evidentemente la stessa si appalesa come illegittima, se ed in quanto applicata al di fuori dei casi legalmente consentiti.
    Cosa può fare, quindi, il destinatario di una comunicazione bancaria di tal genere?

    Può appunto scrivere, a sua volta, alla banca, facendo presente il predetto rilievo, e cioè che: le clausole di riferimento della comunicazione bancaria, rappresentano una sostanziale riutilizzazione di clausole, riconducibili alla commissione di massimo scoperto, al di fuori del’utilizzo legalmente consentito, e recentemente disciplinato per legge.
    Conseguentemente, dette clausole sono da considerrsi nulle, e prive di qualisasi efficacia sotto il profilo giuridico.
    Ne consegue che, pur in assenza di una specifica comunicazione, da parte del cliente destinatario della missiva, rimane in vigore il contratto in essere, ma tali clausole sono da considerarsi come inesistenti.
    Diversamente, cioè in caso di opposizione da parte della banca, ci si riserva di adire le competenti sedi legali.

    Ho consigliato questa linea di condotta già in taluni casi (missive di questo genere stanno dilagando, in questi giorni), ed il risultato?
    Le banche coinvolte dai casi personalmente esaminati, hanno risposto dichiarando che, allora, era da considerare in essere il precedente contratto, ma senza le intervenute proposte di modifica…guaarda caso…..

    Cosa vuol dire?
    Ebbene, pre chi sa leggere anche il dietro le quinte di tali istituzioni, significa che la cosa, evidentemente, è stata sottoposta ai competenti uffici legali, i quali…evidentemente non hanno avuto un’opinione diversa, da quella esposta nel presente intervento.

  2. Silvia

    ho sentito dire che le commissioni x bonifici x affitti li paga il proprietario, è vero?

  3. Patrizio Gatti

    ciao Silvia , grazie per il commento, per la tua domanda non saprei al momento cosa dirti anche perchè è fuori dalla mia competenza . eventualmente se trovo qualcosa di utile in materia di scrivo alla tua e mail
    ciao Patrizio

  4. Pingback: Banche-Imprese-Commissioni:Muro contro muro !!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  5. Pingback: Commissioni bancarie!!Ex Commissioni di Massimo Scoperto-Come volevasi dimostrare….. | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  6. Pingback: Come confrontare la convenienza tra la Commissione di Massimo scoperto e le “nuove spese bancarie “ | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  7. Massimiliano Massullo

    Resto dell’idea che il “pastrocchio” è opera del legislatore, laddove ha previsto che le nuove commissioni di affidamento possono essere applicate INDIPENDENTEMENTE dall’utilizzo del fido e quindi non rilevano ai fini della determinazione del TAEG e dell’eventuale usura. L’art.2-bis è quindi in deciso contrasto con l’art.644 c.p. novellato dalla Legge 108/96, che non faceva alcuna distinzione tra le diverse tipologie di commissioni (si considerano tutte per il calcolo del TAEG).

  8. Patrizio Gatti

    ciao Massimiliano , le banche ringraziano proprio per il fatto che la nuova commissione come dici tu “può essere applicata INDIPENDENTEMENTE dall’utilizzo del fido”

    Ciao grazie per il tuo commento
    Patrizio

  9. Pingback: Banche: Ma come? Ancora corsa ai Rincari ? E l’Indice Sintetico di Costo annuo? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.