Toyotismo, kaizen,Just in Time: Forse e’ meglio applicarle anche nelle PMI per eliminare un po’ di sprechi??

Just in time,  Kaizen, Toyotismo ed eliminazione di attività che non aggiungono valore aggiunto. Forse sarà ora di applicare queste tecniche direzionali anche nelle piccole imprese?

 

 

Ho sempre avuto una particolare attenzione alle metodologie direzionali giapponesi quali il TPS (Toyota Production System) dal quale deriva la lean production , il kaizen , il Just in time.

Alla base del TPS detto anche Toyotismo si trova l’idea di ‘fare di più con meno’, usando le minime risorse disponibili nel modo più produttivo possibile con l’intento di incrementare sensibilmente la produttività della fabbrica.

Il TPS è stato inventato tra il 1940-1950 presso la Toyota, da Sakichi Toyoda, Kiichiro Toyoda, ed in particolare dal giovane ingegnere Taiichi Ohno diventato poi il padre del sistema Just in Time .

Credo che sarebbe ora di rispolverarle queste metodologie direzionali e di applicarle anche nelle piccole imprese .

A mio avviso è utile quindi parlare di miglioramento continuo (Kaizen ) e di Muda (parola giapponese che significa spreco ) . In realtà la parola Muda assume un significato un po’ più ampio indicando qualsiasi attività che non aggiunge valore alla produzione.

Per gli imprenditori ed il management in genere, “Muda” dovrebbe essere un termine che mette paura appena lo si sente nominare, poiché in azienda è da evitare assolutamente.

Lo spreco spesso lo troviamo anche nelle aziende  di qualsiasi genere naturalmente in maniera proporzionata alla loro attività.

Quali possono essere questi per esempio questi sprechi?

    • sovrapproduzione
    • sovrabbondanza di scorte che sono da pensare come un avversario da annientare
    • riparazioni e scarti
    • attese snervanti
    • procedure di cui non c’è bisogno.

 

L’eliminazione del Muda ha costo Zero, ed è uno dei modi più semplici per migliorare l’attività di un’impresa .(Gemba Kaizen –Masaaki Imai – Editore Il sole 24 ore SpA )

E’ anche uno dei metodi per mantenere alta la qualità dei prodotti/servizi senza tagliare costi a spese della qualità e non sacrificare la qualità per soddisfare le consegne.

Forse più facile a dirsi che a farsi?

Uno dei sistemi per farlo è tenere sotto osservazione il Gemba (“il vero luogo “ dove avvengono i fatti).
Il gemba cioè dove i prodotti e servizi prendono forma, spesso l’ambiente economico più trascurato dai dirigenti, diventa uno specchio che riflette la qualità del sistema direzionale ed una finestra attraverso la quale possiamo vedere le reali capacità dei dirigenti.(Gemba Kaizen –Masaaki Imai – Editore Il sole 24 ore SpA )

Tu cosa ne pensi?

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Lascia il tuo commento…

===========================================

 

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Share

2 comments

  1. Pingback: Come il Kaizen può portare alla diminuzione degli sprechi e dei costi ! | Plan Consulting di Patrizio Gatti- Controllo Gestionale

  2. Pingback: Corsi di Formazione: Mentre si parla di sprechi vengono fuori esempi simpatici e interessanti !!! | Crescita Attiva

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.