Attenzione alle “Nuove Scadenze Ri.Ba” per effetto della Direttiva PSD!!!

Occupandomi per buona parte del mio tempo di pianficazione finanziaria non potevo non trovarmi ad affrontare l’ormai vicina scadenza del 5 luglio 2010 , ovvero il nuovo “sconvolgimento delle modalità di scadenza “ per i pagamenti delle Ri.Ba , per effetto della Direttiva Europea PSD (Payment Services Directive ) che già dal 1° marzo ha introdotto le  novità per le valute relativamente a bonifici e carte di pagamento.

Quello che preoccupa maggiormente invece,  sentendo anche  il parere di alcuni imprenditori ed amministratori di imprese , è la parte relativa ai servizi di incasso (RI.Ba, RID,)che entrerà in vigore tra poco più di 2 mesi.


Dal 5 luglio  2010 infatti , le Ricevute bancarie dovranno essere pagate entro la data di scadenza scritta sulla Ri.Ba.  stessa , e l’ordine per il pagamento dovrà pervenire all’Istituto di Credito  entro l’orario di sportello della data di scadenza.

Le Ri.Ba. con scadenza in date non lavorative potranno essere pagate entro la prima giornata lavorativa successiva.

Vabbè e allora cosa c’è di strano?

Ora è spesso consuetudine per una  buona fetta di  imprese che pagano le Ri.Ba,  saldarle  dopo la scadenza (solitamente entro il terzo giorno lavorativo ) .

Questo perché?

A volte ciò è solo un fattore di comodità,  spesso però , le aziende fanno il conto con quei giorni in più , per terminare le fatturazioni del mese appena chiuso  ,per avere di conseguenza ,la possibilità di elaborare delle Ricevute Bancarie attive da poter anticipare ,al fine di riuscire a pagare le Ri.Ba. passive.
Con le “Nuove Ri.Ba. passive” non si può più operare in questa maniera perché non è possibile liquidarle  dopo la scadenza.

In Momenti di credit crunch come questo , le aziende con poca liquidità e con pochi fidi liberi a disposizione potrebbero trovarsi in difficoltà per pagare i fornitori.

C’è anche la possibilità di ricevere  più insoluti del solito , generati “dall’Effetto normativa PSD “, per lo meno nelle fasi iniziali ,perché le Ri.Ba. saranno considerate non pagate  già il giorno successivo alla scadenza.

Per non perggiorare i rating, per evitare il più possibile “effetti dolorosi “ occorre al più presto pianificare la propria situazione finanziaria .

Attenzione, dunque!!!

Meglio muoversi per tempo e cercare di affrontare la situazione preparati per cogliere i vantaggi futuri che può portare questa normativa evitando il più possibile gli svantaggi.

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lasciami il tuo commento

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Share

13 comments

  1. Pingback: Tweets that mention Attenzione alle “Nuove Scadenze Ri.Ba” per effetto della Direttiva PSD!!! | Plan Consulting di Patrizio Gatti -- Topsy.com

  2. Gian Piero Turletti

    Molto utili articoli come questo, che evidenziano aspetti legali e finanziari cui molte imprese non riservano molta attenzione, prese come sono, dalle loro abitudini.
    Invece, sarebbe sempre opportuno considerare le novità, in questi come in altri campi, da cui possono scaturire particolari effetti.

  3. Patrizio Gatti

    Ciao Gian Piero , effettivamente questo articolo dovrebbe servire da “alert” per chi non ha ancora pensato a tutelarsi per le prossime scadenze ,proprio per evitare gli insoluti.

    Ciao Patrizio

  4. SERGIO GIORDANO

    Grazie per l’avviso…certamente ci saranno ulteriori problemi di liquidità sia legati alle scadenze passive che alle scadenze attive insolute. Quando riusciremo ad avere dei vantaggi senza dover pagare un prezzo che alla fine va solo a vantaggio delle banche? Tutto ciò che è rigido, prima o poi si rompe. Essere imprenditori oggi è diventato difficile. Come difendersi dalle regole restrittive di un mercato altamente competitivo e stressante?… ok.. diamoci da fare!!!

  5. Patrizio Gatti

    Ciao Sergio , proprio così. Questa delle Riba come detto nell’articolo se non presa in tempo può effettivamente creare problemi di liquidità, con conseguente anche diminuzione degli scoring bancari .
    ciao Grazie per il commento
    Patrizio Gatti

  6. Pingback: PSD-Riba-Come evitare gli insoluti dal 5 Luglio 2010 in poi « La strategia della Cipolla

  7. Pingback: Psd Riba:cosa fare se il cliente chiede addebito 10 giorni dopo la scadenza? Spariscono i giorni banca? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  8. Pingback: Psd Riba:cosa fare se il cliente chiede addebito 10 giorni dopo la scadenza? Spariscono i giorni banca? « La strategia della Cipolla

  9. Pingback: Psd Riba -e se ti chiedono di spostare le scadenze ? | Controllo di Gestione Aziendale

  10. Pingback: Ri.ba e PSD- Forse ci sara’ un “INSOLUTO DAY”-E con i giorni valuta? | Plan Consulting di Patrizio Gatti

  11. Pingback: PSD-Dal 05 luglio 2010,come si fa ad evitare le insolvenze delle Ri.ba? | Crescita Attiva

  12. Pingback: Come comportarsi se il cliente chiede addebito 10 giorni dopo la scadenza in seguito alle norme PSD per le RIBA? | Crescita Attiva

  13. Pingback: Ri.ba e PSD- Forse ci sara’ un “INSOLUTO DAY”-E con i giorni valuta? « La strategia della Cipolla

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.