Come il Budget di Cash flow può esserti utile per chiedere un finanziamento in banca “con un Bel Vestito”!

“La banca è un posto dove vi prestano denaro se potete dimostrare di non averne bisogno”-  Bob Hope

 

Dopo una ristrutturazione finanziaria, avvenuta quasi tre anni fa, un’azienda artigiana piemontese,  una snc,  formata da 2 soci e 4 dipendenti, era stata da allora senza utilizzare i fidi di cassa.

 

All’inizio di settembre dell’anno scorso guardando la situazione finanziaria con l’impiegata che si occupava di elaborare il budget di tesoreria,  così come ottimamente faceva da anni,  ci accorgiamo che la situazione stava peggiorando. 

Al momento i conti correnti erano ancora in attivo ma a causa di una diminuzione  inaspettata del fatturato  la situazione finanziaria presto sarebbe scivolata verso l’utilizzo dei fidi concessi dalla banca al 100%.

Questo anche perchè, da luglio in poi l’azienda stava pagando un sacco di imposte dei soci relative all’anno precedente, con i prelievi titolare, e non stava producendo adeguati margini per sostenere anche quelle uscite.

Non vedendo  miglioramenti economici,  la crisi di liquidità si intravedeva perciò a gennaio.

Ho consigliato al titolare di andare in banca per attivarsi  con un finanziamento, per stare tranquilli.

 

Perchè ho consigliato di andare in banca anche se in quel momento l’azienda era in positivo nel conto corrente?

 

Perchè in quel momento l’azienda era in un’ottima posizione con la banca, infatti non stava utilizzando i fidi di cassa, usava solo in parte quelli commerciali, cioè ri.ba e anticipo fatture.

Inoltre i dati del bilancio dell’anno passato erano buoni, perciò  l’azienda poteva ancora presentarsi forte a chiedere un finanziamento rimborsabile a rate.

 

L’amministratore però non ha voluto neppure sentirne parlare di indebitarsi con la banca perchè era più che convinto che il fatturato sarebbe arrivato.

 

“Certo”, gli ho risposto, “Ti capisco. Attenzione però che, se non migliori il margine che produce liquidità, c’è il forte rischio che tu possa peggiorare e ti vai lo stesso a indebitare con la banca con il fido di cassa, oppure finirai per non pagare nei tempi giusti i fornitori o gli stipendi.  Una volta che utilizzi completamente i fidi è difficile poi ritornare in positivo a breve termine, a meno che tu non faccia dei fatturati e guadagni superiori a quelli che effettivamente può fare la tua azienda in questo momento.”

 

Che fare allora?

 

Intanto il tempo passava e il fatturato continuava a diminuire . Per fare vedere ancora più chiaramente la situazione al titolare è stata fatta una simulazione di budget economico a fine anno e un budget finanziario a 6 mesi.

Dopo circa due mesi, rimettendo davanti i dati e le previsioni sia economiche, dove si poteva ipotizzare una perdita a fine anno, che finanziarie, dove si vedeva che si stava andando verso l’utilizzo al 100% dei fidi di cassa, il titolare ha deciso  di andare in banca per chiedere un finanziamento rimborsabile a rate.

 

 

 

Un finanziamento, in questa situazione, è davvero una soluzione?

 

Non è una soluzione che risolve la mancanza di redditività, ma ti permette di portare avanti i tuoi debiti e i tuoi piani senza soffrire la scarsità di liquidità.

Rimane chiaro che se l’azienda non guadagna, alla lunga non genera liquidità e questo debito ritornerà  a creare difficoltà per pagare le rate, perciò il debito ritorna indietro come un BoomerangPerciò è da richiedere se ci sono prospettive per poterlo pagare .

Se l’azienda, infatti , riprende il ritmo regolare, si ritroverà della liquidità da utilizzare e sarà sempre più tranquilla.

A questo punto il titolare ha cominciato a dire che forse era meglio fare il finanziamento al più presto, poichè non intravedeva almeno sino a marzo-aprile dell’anno prossimo un miglioramento delle sue vendite  e  un pò di liquidità lo avrebbe tranquillizzato per non compromettere la situazione finanziaria sino ad ora gestita bene.

Così mentre riferiva la decisione presa al suo socio, l’amministratore ha detto :

“E’ meglio andare in banca ora con un buon vestito, anzichè tra qualche mese con le pezze di stoffa…”

 

 

 

 ➡ Era esattamente il messaggio che volevo arrivasse !!!

 

Grazie ai suoi redditi precedenti, ai suoi buoni rating, all’ottimo comportamento bancario che ha sempre avuto, molto probabilmente l’azienda, ha buone possibilità di ottenere un finanziamento.

Se invece vai a chiedere troppo tardi e quando hai perso il potere contrattuale, è molto più difficile ottenere credito.

 

Ma cosa rimaneva da fare?

 

Va rivisto subito tutto il business dell’impresa,  poichè c’è  immediatamente da ripristinare l’economicità aziendale, anche perchè poi, in banca, occorre dimostrare la capacità di rimborso e bisognerà presentare a sostegno della richiesta un business plan con budget economico e finanziario.

 

In conclusione:

 

In banca, anche se  sembra una cosa poco sensata, dovresti andarci quando puoi dimostrare di non averne bisogno.

Utilizzare il budget e la pianificazione di cash flow ti fa scoprire come potresti trovarti tra qualche mese, perciò hai il tempo per  muoverti strategicamente senza subire gli eventi .

Inoltre è opportuno evitare di basare una sicurezza finanziaria sui fatturati sperati.

Quello che conta è il margine operativo che riesci a produrre e che si trasforma in liquidità.

 

Per qualsiasi chiarimento contattami clicca qui 

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento!

 

 

============================================================================================

Ti è interessato questo articolo?

 

 
Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale  Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi un  Omaggio

 

 
 
Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti con un solo click.(Vedi le condizioni sulla Privacy )
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).
 

 

===========================================================================================

 

Clicca qui per il Videocorso sul controllo di gestione e su come fare il budget per PMI

Clicca qui per entrare nella pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al gruppo Facebook “L’imprenditore e il controllo di gestione”

Iscriviti al mio canale YouTube  per rimanere aggiornato con i miei video 

 

Share

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.