ebook

Leader in azienda- troppo facile prendersi solo i meriti !!!

Per la gestione aziendale e l’organizzazione delle imprese una delle basi è la gestione delle risorse umane e di conseguenza il sistema di leadership.

leader-in-azienda-leadership
A seconda del management d’impresa ci sono vari sistemi di leadership dentro ai quali non mi addentro poichè troviamo videocorsi , libri ebook ottimi  sull’argomento

Ci sono molti videocorsi autorevoli come Leadership (Videocorso DVD)di Giacomo Bruno

oppure libri , come  il mio preferito che ho letto per la prima volta  circa 11 anni fa  è  Scopri il leader che è in te -Dale Carnagie

Basta andare nel sito www.giardinodeilibri.it e cercare Leader trovi best seller sull’argomento  .

Comunque ritornando a questo articolo il mio messaggio è solo questo :

“Fermo restando i risultati più o meno positivi ,  io considero leader solo chi si assume sia i meriti che i demeriti dei suoi collaboratori è troppo facile dire ” siamo stati bravi , Noi abbiamo fatto “ quando c’è un merito ,invece quando c’è un demerito  dire “ha sbagliato, ha fatto
Per questo mi sono fatto due risate a vedere questo video di Gigi Proietti che mi sembra rispecchiare ciò che voglio dire

Per ricevere le nostre  novità e gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Ciao e…fammi sapere le tue impressioni con un commento

A presto

Patrizio Gatti

Share
Read More

Finanziamenti a tasso zero in Toscana-Aiuti all’innovazione dell’offerta turistica e commerciale

Continuo sulla linea del precedente articolo poichè noto con piacere che sono usciti alcuni bandi interessanti che posson essere una boccata d’ossigeno per le imprese :

finanziamenti-agevolati-toscana

Mi riferisco in particolare  agli “Aiuti all’ innovazione dell’ offerta turistica e commerciale – P.R.S.E 2007/2010 linea di intervento 4.3″

Soggetti beneficiari
Piccole, medie e micro imprese che svolgono attività commerciale, turistico o una attività relativa alle strutture complementari al turismo.

Share
Read More

Marketing e posizionamento aziendale? The Secret of the Brand

Per il marketing per la Gestione Aziendale è molto importante il Brand – Non potevo quindi non parlarti di un DVD al quale ho partecipato  come “alunno “.

Infatti è  disponibile il nuovo videocorso in DVD realizzato da Bruno Editore in collaborazione con MyLife Edizioni :

Il DVD è stato realizzato in occasione dell’Evento Autori Bruno Editore del 20 settembre 2008 al quale ero presente anch’io .

Giacomo Bruno  in quell’occasione ci fece una lezione sul Brand e sul posizionamento  veramente interessante .

Giacomo ci ha tenuto incollati ed attenti per più di 2 ore ,Il tempo è volato – E’ stato veramente bravo .

Ma di cosa ci ha parlato?

Dei 7 segreti per posizionare in modo vincente aziende, marchi e prodotti sul mercato

Share
Read More

Crescita aziendale? Pianificare anche le richieste di finanziamento bancario

Sempre per rimanere in tema di affidamenti bancari e dell’importanza della pianificazione nel gestirli  mi ricollego all’articolo Fido di conto corrente?Crisi di Liquidità? Muoversi Con Attenzione!!!

ed inserisco in questo post  un’altra storia.

crescita-aziendale-pianificazione

L’episodio che vado a raccontare si riferisce a realtà  ma serve semplicemente per arrivare alla questione che la crescita aziendale va finanziata bene.

Nel giugno 2008  intravedendo la crescita dell’azienda di un mio cliente gli dico che sarebbe opportuno  andare a  chiedere un aumento dei fidi  commerciali (anticipi su fatture e ricevute bancarie) alla propria banca o meglio sarebbe aprire  il conto corrente in un altro Istituto di credito  in maniera tale da dividere  il rischio anche per non dipendere solo dalle decisioni di un Istituto bancario.

Il cliente titolare di una piccola impresa individuale estremamente affidabile, è titubante in quanto non  vuole gestire 2 banche e continua per la sua strada  con un solo Istituto il quale gli concede un piccolo aumento di fido secondo me poco significativo per la futura copertura del suo fabbisogno.

Nel Settembre 2008 ribadisco il concetto, ma ecco che nel dicembre 2008 il mio cliente si ritrova che non ha i soldi per prendere lo stipendio e pagare i fornitori poiché a sua volta primari clienti che sino a poco tempo prima, (prima della cosiddetta CRISI), pagavano con puntualità ora  per vari motivi ritardano a pagare. Poiché il mio cliente non ha richiesto adeguati fidi ora si ritrova a dover chiedere per favore alla sua banca di anticipargli le ricevute bancarie extra fido.

Ok, VA BENE! Ma questo cosa comporta, vuol dire che la sua Banca è brava???

Certo!!!!  I funzionari sono  più che disponibili e gentili e senza dubbio, ma se un fido non è autorizzato e si va extra fido anche per qualche giorno, viene applicato un tasso superiore e l’impresa si ritrova dei costi in più non previsti.
Per esempio si può passare da un 7% ad  un 10-11-12%, ed il costo grosso è la Commissione di Massimo Scoperto che passa magari da un 0,25% a un 1%  il che si traduce in centinaia di euro a seconda del saldo scoperto  da pagare in più di quanto si sarebbe pagato se il tutto fosse stato preventivamente autorizzato.

Comunque, per concludere la storia, nel mese di gennaio è stato dato l’incarico all’ impiegata amministrativa della piccola impresa di fare in maniera di aprire un altro rapporto di affidamento bancario.

Il messaggio che vorrei arrivasse è dunque che i fidi bancari dovrebbero avere un  utilizzo pianificato, ed il tutto dovrebbe andare di pari passo con la crescita aziendale.

Fammi sapere le tue impressioni…

A Cura di Patrizio Gatti


Consulente di direzione aziendale
Autore di “Amministrare l’Azienda”

Per ricevere le nostre  novità e gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

Articolo pubblicato anche su  su www.giacomobruno.it

Share
Read More

Fido di Conto corrente? Crisi di Liquidita’ ? Muoversi con attenzione!!!

Voglio raccontarti una storia per introdurre una problematica che in questi periodi di restrizione del crediti si fa anche più sentire anche se in articoli con casistiche simili avevo già affrontato l’argomento.

contrazione-credito-bancario

Verso la fine del 2006 vengo presentato a 2 titolari di una piccola attività, marito e moglie.

Il problema era che le banche non gli davano più fido di quanto già concesso, anzi queste stavano richiedendo il rientro. In poche parole la piccola impresa era in grave crisi di liquidità.

La mia consulenza continuativa si è protratta ,come da preventivo, per circa 1 anno.
I risultati sono stati molto buoni, poiché dopo anni di perdita che hanno portato la piccola azienda ad una pesante situazione finanziaria, nel 2007 l’azienda è andata in utile e nel 2008 ha continuato ad essere in utile ed in miglioramento.

Le ricette sono state la diminuzione delle scorte, maggiore attenzione agli acquisti, previsioni finanziarie e controllo con budget per i costi e il tutto col mantenimento dei ricavi previsti.
Il tutto naturalmente è stato seguito nei minimi dettagli e proporzionato alle dimensioni aziendali.

Terminato il mio periodo di consulenza previsto, il titolare, persona estremamente corretta, che comunque non poteva sempre pagare nei tempi giusti, mi dice che non sopporta l’idea di avere un debito nei miei confronti e in ogni caso mi conferma che periodicamente mi avrebbe chiamato per verificare se tutto stava funzionando come da programmi.

Io ero d’accordo con lui poiché avere dei crediti vecchi da riscuotere mi metteva a disagio.
Avrei potuto anche prenderla come un pretesto da parte del cliente per svincolarsi della mia consulenza ma gli ho voluto credere, non avendo motivo di dubitare dei risultati positivi.

Periodicamente sono stato chiamato a controllare ciò che veniva fatto e per mia soddisfazione ciò che avevamo pianificato stava avvenendo.

Le banche che fino a poco tempo prima gli avevano chiuso le porte, cominciavano a riaprirle anche se a piccoli passi.

Nel 2008 continuo sistematicamente ad andare dall’ex cliente, ormai amico a dare sporadicamente dei miei pareri e a visionare i bilanci periodici che gli stampa il suo commercialista .

Nel novembre  2008 il Titolare mi chiama e mi dice:
“Lo sai che la Banca alla quale mi sono rivolto per una richiesta di aumento fido mi ha proposto di fare un finanziamento per il totale rimborsabile in 3 anni?”

A quel punto io dico:
“Per forza sei stato per troppo tempo sopra 80% di utilizzo del fido accordato e loro ti vogliono dare un finanziamento più adeguato”.

Andiamo in banca, ed in effetti scopo della Banca era chiudere lo scoperto di conto continuando col rapporto dandogli un finanziamento più adeguato, poichè il cliente anche se, sempre nei fidi accordati, è sempre stato vicino all’utilizzo del tetto massimo e non riesce a scendere.

A quel punto nel colloquio con il Direttore una volta appreso le intenzioni dell’Istituto Bancario noi abbiamo presentato la ns. controproposta……

Morale del racconto:

Già in altri miei racconti il finale è stato grossomodo questo ,ma simile realtà è più che mai attuale:

* E’ sempre più difficile ottenere scoperti di conto

* Occorre fare attenzione a non stare troppo tempo al massimo di utilizzo del fido senza muoversi poiché ormai questa forma di finanziamento è sempre meno gradita agli Istituti di Credito.

finanziamenti-fidi-bancari
* Lo scoperto di conto dovrebbe servire quasi esclusivamente a far fronte a temporanee necessità di cassa. Se stai sempre utilizzando il fido di conto corrente significa con molta probabilità che difficilmente riesci a rientrare dello scoperto quindi presumibilmente non è la forma di finanziamento più adatta . Nel caso in esame, la banca ha proposto un finanziamento rimborsabile poiché cominciavano a vedersi gli utili infatti gli anni precedenti sarebbe stato improponibile .

Alla fine poi questa operazione è anche un buon consiglio e da un punto di vista economico al cliente conviene perché sicuramente i tassi sono migliori dei finanziamenti a breve termine.

Per le imprese lo scoperto di conto è importante per avere un polmone finanziario, il consiglio è però di farlo nelle proporzioni giuste e pianificare bene le entrate e le uscite.

Se hai provato cosa vuol dire stare scoperto di conto probabilmente so bene quale potrebbe essere le tua obiezioni, le conosco sia come cliente bancario sia come consulente di aziende.

E tu cosa ne pensi, lasciami un tuo parere

A Cura di Patrizio Gatti
Consulente di direzione aziendale
Autore di “Amministrare l’Azienda”

Articolo pubblicato su www.giacomobruno.it
Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Per ricevere le nostre  novità e gli aggiornamenti  iscriviti alla ns. newsletter

Share
Read More

Ebook Gratuito di Patrizio Gatti-Spunti di Amministrazione Aziendale

Ciao

Dopo aver pubblicato vari articoli sul blog di Bruno Editore e sui miei blog

ho deciso di metterne insieme 11 per creare un Ebook gratuito che ti possa servire

da spunto per l’Amministrazione aziendale .

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER e per ricevere gli omaggi

Lasciami i tuoi commenti nel blog

Share
Read More

Intervista a Patrizio Gatti -Autore Bruno Editore

Ciao , dopo averti parlato dell’Evento club autori del 20 settembre 2008 a Roma di Bruno Editore , mancava l’intervista, …..  a dirti la verità una brevissima intervista molto importante per me , che mi ha fatto Valentina della Bruno Editore

Clicca , aspetto un tuo commento

Ciao  Patrizio

Share
Read More

Evento degli autori di Bruno Editore 2008 a Roma -3a parte

Innanzitutto un saluto allo Staff di AUTOSTIMA.NET Sara, Fabrizio e alla grande Valentina , Gentilissima anche dal vivo
Complimenti Valentina ho sentito solo belle parole per te.

Alla fine della serata mi sono trovato a passarla intorno ad un tavolo con Giacomo Bruno, Viviana sua moglie e Direttrice della Bruno Editore , Roland del Vecchio, Gianluigi Ballarani, Roberto D’aloisio, Gennaro Romagnoli, Josè Scafarelli .

In un clima di rilassamento e anche di risate sono venute fuori discussioni interessanti nello stesso tempo molto utili per noi autori .

Da come scriveva nel blog www.giacomobruno.it si era capito che Viviana Grunert ha le idee chiare sulla direzione aziendale .

In effetti è proprio così , gentile, tranquilla, sà motivare ed è effettivamente determinata .

Giacomo Bruno ci ha raccontato cose con una naturalezza e semplicità che tu che sei abituato a vederlo dappertutto ,in televisione, nei giornali , su migliaia di pagine web non te lo aspetteresti .

Con Gennaro e Josè avevo avuto vari scambi di mail e messaggi via forum ma sabato era la prima volta che li incontravo . Insieme sono una coppia brillante , Gennaro con la sua ragione tiene a bada Josè che ha una simpatia innata e spontanea .

Gianluigi mi ha fatto una buona impressione , 21 anni ed è già in un Club importante e già giornali parlano di lui, è molto brillante.

Roland e Roberto anche loro simpatici e di compagnia , insomma sembrava di stare in un ambiente familiare o con amici di vecchia data .
In sostanza , ne è valsa la pena di farsi un viaggetto di 4 ore di treno e 4 di ritorno per conoscere delle persone che ti rimarranno a lungo nel cuore .

Ciao
Patrizio

Share
Read More

Il dopo evento Autori della Bruno Editore (2a parte)

Ecco che finisce la formazione in aula e si comincia con l’aperitivo a bordo piscina .

E intanto Josè Scaffarelli cominciava a brindare mentre io stavo con le mani incrociate .

Subito dopo si cercava di mangiare qualcosina e bere, e qui Gennaro Romagnoli ne è l’esempio


E’ stato bello conoscere alcuni autori , eravamo tanti ,il tempo poco e non c’è stata occasione di parlare a lungo con tutti .

E’ chiaro che come in tutti gli eventi c’è sempre chi allaccia rapporti con alcuni e lascia indietro altre conoscenze .

Così ,almeno per me , è successo anche Sabato , sono sicuro che mi sono perso l’occasione di stringere più amicizia e dialogo con tanti autori .

In ogni caso con il gruppo che si è creato intorno a me sono stato veramente bene è stato utile, divertente e formativo.

Trà uno scherzo e l’altro c’ era chi raccontava esperienze personali molto interessanti.
Ora faccio alcuni nomi , senza volerne ad altri che non citerò per i motivi detti prima .

Sono per esempio rimasto contento di aver conosciuto e parlato con un grande professionista che quando parla normalmente sembra di sentirlo parlare alla televisione Alberto Lori, .

Molto brillante Maria Rosa Greco (nella foto scura) vicino a Cesare D’ambrosio


le Gentili Adele Falcetta e Anna Boggero Prin che ritroviamo in questa foto con l’onnipresente
Giancarlo Fornei

In genere Ho avuto una buona impressione scambiando alcune idee con Daniele D’ausilio , Massimo D’amico , Massimo Prete , Egidio Sidoti, Leonardo di Paola e Viviana Taccione,

CONTINUA ……………….

ciao Patrizio

Share
Read More

Il dopo evento con gli Autori e lo staff di Bruno Editore prima parte

Share
Read More